Menu

    Le Chiantigiane – Alborense


    Il Morellino di Scansano DOCG è il prodotto che per eccellenza rappresenta la Maremma e Chiantigiane ha voluto creare un Morellino che si distinguesse per la sua eccellente qualità, il Morellino di Scansano DOCG Alborense, che è il frutto dell’esperienza e della passione per il vino dell’enologo e direttore Maurizio Cremonini Bianchi e dell’enologo Giorgio Marone e della storia della nostra fattoria socia della Maremma, nel sud della Toscana.
    Natura, storia e cultura si uniscono dando a questo vino un valore aggiunto.
    Questo luogo ha una storia millenaria che lo rende uno dei più famosi d’Italia e, per il suo ricco patrimonio artistico e architettonico, l’abbazia di San Rabano è uno dei più importanti cantieri di archeologia medievale in Europa. Il campanile domina ancora le rovine dell’abbazia ed è proprio la forma di questa struttura che ha dato l’idea per la realizzazione della bottiglia del Morellino di Scansano DOCG Alborense, che ha la stessa forma troncoconica della torre campanaria.
    Il Morellino di Scansano DOCG Alborense nasce da questa terra, da questa storia e patrimonio architettonico e Le Chiantigiane ha ottenuto l’autorizzazione dell’Archivio di Stato per riprodurre, in etichetta e sul cartone di questo vino, l’immagine dell’antica mappa di quest’area, risalente al 1713.
    Qui sono presenti oltre 53 ettari di vigneti, coltivati secondo il metodo della produzione integrata, a basso impiego di sostanze chimiche, e l’esposizione delle viti al mare e la protezione dei boschi circostanti contribuiscono a creare un prodotto particolare e unico, conferendo alle uve un aroma assolutamente originale.
    Dai vigneti si gode la vista di un paesaggio straordinario, le colline, la macchia mediterranea, i monti dell’Uccellina e il mare sullo sfondo.
    Qui, di recente, sono stati realizzati circa 13 ettari di impianto, creando un nuovo vigneto che si distingue per il perfetto inserimento nell’ambiente collinare e per l’esposizione favorevole. Per coniugare un’eccellente qualità, che scaturisce spesso dalla bassa produzione per ceppo e dalla produzione a ettaro accettabile, si sono impostate densità di impianto di circa 6.000 piante a ettaro con interfilari a 2,20 metri. Inoltre per favorire le fasi di maturazione dei grappoli, i fili sono stati portati a 70 cm da terra.
    Il Morellino di Scansano DOCG Alborense nasce in questi vigneti, nel microclima della Maremma, una terra che è da sempre generosa con il vino, soprattutto se rosso. La presenza dell’irradiazione solare per tantissimi giorni dell’anno, l’influenza benefica del mare e le colline a protezione della coltivazione, fanno si che l’uva prima e il vino rosso poi siano di grandissima struttura, ricchi di polifenoli benefici per la salute, di estratti e di glicerina, tutti componenti fondamentali per ottenere un vino pieno, corposo, profumato, elegante, persistente e particolarmente longevo.